QUELLO DEGLI SPRAR È UN MODELLO DI ACCOGLIENZA EFFICACE E VIRTUOSO, CHE NON VA SMONTATO MA SOSTENUTO, COME CHIEDE IL MIO ORDINE DEL GIORNO

Con questo ordine del giorno noi intendiamo porre l’attenzione del Governo su un adeguamento dello stanziamento dei fondi da destinare al sistema SPRAR, visto che con il decreto sicurezza si smonta il sistema di accoglienza italiano producendo irregolari. Secondo l’Istituto di studi di politica internazionale, la legge provocherà appunto un aumento di 110-120 mila persone irregolari nei prossimi due anni, quelli che voi chiamate clandestini.

Eppure il sistema di accoglienza degli SPRAR è un modello efficace e virtuoso, che mentre risolve un’emergenza favorisce, nel contempo, lo sviluppo locale e dà beneficio al territorio.

Rispetto alla svolta che il Governo intende imprimere riguardo all’accoglienza, la cosa che più colpisce è che se è vero che le prime vittime del decreto Sicurezza saranno ovviamente i migranti, i principali danneggiati soprattutto sul piano economico saranno gli italiani. Un bel paradosso per un Governo che ha fatto del “prima gli italiani” il suo mantra elettorale. Questo perché il sistema degli SPRAR è fortemente legato al nostro sistema territoriale e, quindi, è in mano soprattutto ai sindaci, alle piccole comunità, è un’accoglienza diffusa, “omeopatica” e io penso che non a caso lo si voglia colpire: perché la vicinanza, la comunanza, la prossimità, è quella che abbatte le paure, che mette in discussione i pregiudizi ed è proprio questo modello di convivenza che si vuole mettere in crisi. Si vogliono creare grandi centri, irregolarità e favorire, con questo, anche un’idea di impossibilità di integrazione e di convivenza.

È un’operazione politica e culturale che vuole costruire un Paese chiuso, arrabbiato e gli SPRAR erano esattamente un antidoto a questo. L’obiettivo è ridurre al minimo l’accoglienza diffusa, come si diceva, e impedire l’integrazione. Invece, bisognerebbe prendere atto che le risorse spese per l’accoglienza diffusa, in particolare con il sistema SPRAR, hanno favorito lo sviluppo locale e la coesione sociale e sono un bell’esempio di buona spesa pubblica. Forse l’unica politica keynesiana di questo periodo per molte aree del Paese.

Per evitare questa chiusura e questo orizzonte di paura ho depositato questo Ordine del giorno al decreto Sicurezza in cui noi di LeU chiediamo che invece il sistema SPRAR venga sostenuto, che il Paese continui a crederci. Perché davvero ha rappresentato negli anni l’unico sistema di accoglienza che ha permesso a questo Paese di gestire in maniera intelligente il fenomeno delle migrazioni.

Il mio intervento in Aula alla Camera sul decreto Sicurezza e sull’Ordine del giorno a mia prima firma per dare adeguati finanziamenti al sistema degli SPRAR.

.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi