EDUCAZIONE E CULTURA MIGLIORI ALLEATI CONTRO SOPRUSI E PER PARITA'

Le percentuali di denunce da parte delle donne che subiscono violenza sono bassissime e questo perché le stesse donne non si fidano e non sperano di poter essere aiutate. Purtroppo ne è un esempio drammatico la sindrome da alienazione parentale (Pas) che non ha alcun fondamento scientifico ma che, nonostante ciò, è stata usata più volte dai tribunali a discapito di donne e minori e a vantaggio di uomini violenti.

Questo paradigma deve cambiare: una donna che denuncia violenza va sostenuta, e deve sentire alleate, non nemiche, le istituzioni. Al momento non è così, palesemente.

Oggi che è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, voglio ricordare quante forme diverse abbia questa violenza, frutto di una cultura ancora fortemente patriarcale e maschilista. L’utilizzo della Pas è una di queste e con la riforma del processo civile dovrebbe finalmente essere messa fuori dalle aule dei tribunali. Ma dobbiamo eliminarle tutte.

Per fermare i femminicidi e questa pandemia della violenza non basta la repressione, ma servono una rete diffusa di centri antiviolenza, che vanno finanziati in modo adeguato, e luoghi di sostegno e accompagnamento nei percorsi di emancipazione. E poi bisogna investire in quelli che possono essere gli alleati più validi contro i soprusi e per la parità di genere: l’educazione, la cultura, l’informazione.

Ne parlo anche in questo intervento su Italia Libera.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rossella Muroni

Ecologista, di sinistra, deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici di Montecitorio e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, eletta alla Camera nelle liste di Liberi e Uguali, passa al Gruppo Misto nel 2021.
Arrivata in Legambiente nel 1996, ne sono stata presidente dal dicembre 2015 al dicembre 2017. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell’ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, ho contribuito a numerose pubblicazioni associative.
Molto interessata al tema dei diritti e particolarmente impegnata per tutelare quelli delle donne a tutti i livelli, nella società, nella politica e nel lavoro. Mamma di Simone e Samuele, sono appassionata di Aikido.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi